via Giordano Bruno 02100 Rieti
+39 388 7405614
vgalluzzi@gmail.com

Permacultura Urbana a Cinecittà 2016

Permacultura Urbana a Cinecittà 2016

La struttura in legno e paglia in tecnica GREB è ciò che mi spinse a partecipare al corso al Corto Circuito, estate 2016.

L’esigenza era quella di ricostruire l’edificio dell’osteria che nel 2012 era stato distrutto da un incendio. Questo progetto ha un significato molto importante per il quartiere, tutti hanno interesse a ritrovarsi in uno spazio dove poter andare in palestra, frequentare la scuola popolare, l’osteria, la ciclofficina, il campo di calcetto e il parco. Per questo la comunità intera si è autotassata e ha recuperato gran parte delle risorse economiche necessarie per i materiali di costruzione. L’incontro con il Corto Circuito con la Permacultura innescò un processo di apertura verso nuove frontiere e speranze in ambito urbano, attento alla salvaguardia delle persone e dell’ambiente.

Il progetto è iniziato con la realizzazione della vasca di fitodepurazione, che avrebbe recuperato le acque della cucina ed assieme a quelle piovane, irrigato gli orti sinergici per la produzione di una parte degli ortaggi per l’osteria. L’edificio è sviluppato in un piano di 250mq, struttura in legno, tamponamenti delle pareti e del tetto in paglia, coibentazione del solaio di fondazione con 16.000 bottiglie, intonaci interni in terra cruda, intonaci esterni in calce. L’edificio non avrà bisogno di impianti di raffrescamento nè di riscaldamento. Il progetto è stato realizzato in autocostruzione, supportata da momenti di formazione, da un gruppo stabile e tantissimi volontari.

Il risultato è un edificio altamente sostenibile, termicamente autonomo, fonoassorbente, traspirante, antisismico, ignifugo, con un alto comfort interno ed un impatto minimo sull’ambiente.

L’autocostruzione ha messo in sinergia esperienze condivise e saperi collettivi, in un’ottica di scambio e acquisizione di capacità e competenze tra i partecipanti in un’atmosfera di entusiasmo e coinvolgimento.

Ci siamo presi la nostra responsabilità, nell’occuparci di un luogo di aggregazione sociale, che come tutti i nostri territori sono un bene comune, e come tutti i beni comuni ne vanno preservate e gestite le risorse in maniera consapevole.